In tema di riparazione per l’ingiusta detenzione, la condotta dolosa di cui all’art. 314 c.p.p. è condizione ostativa al riconoscimento del diritto all’equa riparazione solo se sussiste il collegamento causale tra il comportamento del soggetto e l’ordinanza di custodia cautelare, poiché non può ritenersi che una mera condotta sospetta costituisca di per sé la colpa […]

Read More →

In tema di concorso di reati, il delitto di sequestro di persona è assorbito in quello di violenza sessuale, quando la privazione della libertà personale della vittima si protrae per il tempo strettamente necessario a commettere l’abuso sessuale, come avvenuto nel caso di specie, stante la sostanziale concomitanza tra sequestro e abusi sessuali. Cassazione penale […]

Read More →

In materia di sostanze stupefacenti, l’ipotesi lieve di cui all’art. 73, comma 5, d.P.R. 309/1990, può essere riconosciuta solo nei casi di minima offensività penale della condotta; in tale giudizio, debbono comunque essere tenuti in considerazione tutti i parametri richiamati dalla disposizione, sebbene sia possibile, all’esito di siffatta valutazione complessiva, assegnare anche ad uno solo di […]

Read More →

Non è configurabile il rapporto di specialità tra il delitto di maltrattamenti in famiglia e quello di sequestro di persona, poiché sono figure di reato dirette a tutelare beni differenti. Inoltre, l’uno è integrato dalla condotta di programmatici e continui maltrattamenti psicofisici ai danni di famigliari, mentre l’altro da quella di privare taluno della libertà […]

Read More →

La Corte costituzionale, sentenza 23 gennaio 2019 (dep. 8 marzo 2019), n. 40, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 73, comma 1, d.P.R. 309/1990 (T.U. stupefacenti) nella parte in cui prevede la pena minima edittale della reclusione nella misura di otto anni anziché sei. La questione di legittimità costituzionale è stata sollevata dalla Corte d’appello di Trieste per […]

Read More →